Come opera l'associazione?

Nella scuola

Francesco va in Burkina è da sempre impegnata nel mondo della scuola. A Nanoro vi è una scuola materna Sainte Anne, privata, gestita dalle Suore Apostole del Sacro Cuore, e cinque scuole elementari statali, oltre ad una privata ed un liceo agricolo.

L'associazione sostiene la scolarità con il progetto "Adozione a distanza": con la quota annuale di €150 la famiglia adottatante aiuta un bambino nel suo percorso scolastico ed educativo dalla scuola materna Sainte Anne sino alla sesta elementare, cioè sino al termine della scuola dell'obbligo, garantendogli la retta, il materiale ed il sostegno alimentare per tutto l'anno.

 


Nella sanità

A Nanoro ha sede una struttura ospedaliera costruita e gestita dai Padri Camilliani, dotata di vari reparti (diagnostica, chirurgia, ortopedia, pediatria) e due sale operatorie.

L'associazione ha partecipato insieme ad altri partners italiani a diversi progetti di sostegno all'ospedale, tra cui la costruzione del nuovo reparto di pediatria, la costruzione della seconda riserva d'acqua, la dotazione di pannelli fotovoltaici per l'alimentazione dei reparti e dei blocchi operatori. Sostiene ora il progetto avviato di costruzione del nuovo blocco operatorio.

 


Il progetto di recupero ragazzi di strada

Dal 2012 l'associazione si è impegnata, insieme ad altre due associazioni del saluzzese, nel sostegno di un progetto per il recupero di ragazzi di strada, nella capitale Ouagadougou.

Il progetto coordinato da un camilliano, padre Paul, ha come obiettivo quello di recuperare alla scolarità ragazzi senza famiglia e senza una casa che vivono randagi per le strade della capitale, senza alcuna prospettiva di inserimento sociale.

Con minima spesa il progetto assicura una sede, un pranzo ed una educatrice-assistente sociale per tre ore di lezione giornaliere, per un gruppo di 14 ragazzi.